>

I confini del Coaching - Carlo Bartolomeo Novaro Coach ICF AICP Liguria

Vai ai contenuti

Menu principale:

I confini del Coaching

Studio Carlo Bartolomeo Novaro Coaching - Business Coach ICF - Imperia - Liguria - Italia - Online via Skype


La differenza del Coaching 
rispetto la psicoterapia e la consulenza



Il Coaching 
è orientato al futuro e al raggiungimento degli obiettivi
La Psicoterapia 
è orientata al passato e alla risoluzione dei problemi

Relazione con la psicoterapia (fonti ICF)


Il coaching è concepito per aiutare i clienti a incrementare le loro conoscenze, le loro performance e migliorare la qualità della loro vita, ma non si concentra direttamente sull’alleviare il dolore psicologico o sul trattare i disturbi cognitivi o emotivi. 

Sebbene nel Coaching si presume la presenza di reazioni emotive agli eventi della vita e la capacità dei clienti ad esprimere e gestire le proprie emozioni, il coaching non è una psicoterapia e la guarigione emotiva non è interesse del coaching.

E' fondamentale quindi chiarire fin da subito, che si può trarre grande beneficio dal Coaching solo a condizione che il cliente non sia eccessivamente insicuro o limitato sotto il profilo delle sue capacità, soprattutto nel prendere decisioni e nel compiere azioni in quanto il Coach non è uno psicologo o un terapeuta, ma piuttosto un professionista esperto nel processo di coaching.

Qualora il Coach intuisca gravi problematiche psicologiche, può esplorare con il cliente se lo stesso possa beneficiare di un altro professionista ovvero può suggerirgli di considerare di affrontare queste tematiche al di fuori del coaching. Questo significa quindi che il Coaching può essere utilizzato simultaneamente alla psicoterapia, ma non può essere considerato come un surrogato, in quanto si concentra ad accompagnare il cliente dallo stato attuale (presente) allo stato desiderato (futuro), utilizzando le informazioni del passato solo per chiarire la situazione presente.



Il Coaching
è una Consulenza senza consigli
Relazione con la consulenza (fonti ICF)

I coach sono dei professionisti esperti nel processo di coaching e possono anche non avere conoscenze o competenze specifiche in aree diverse da questa. Laddove i coach abbiano delle conoscenze specifiche, possono anche usarle per facilitare il processo di coaching, ma i coach non usano queste conoscenze per fare una diagnosi, dirigere o dare soluzioni al cliente.

Nel coaching le informazioni ottenute e date al cliente sono usate dal coach per stimolare la consapevolezza del cliente e aiutarlo a scegliere in autonomia decisionale il tipo di azione da intraprendere. Questi informazioni non sono usate per valutare la performance o fornire relazioni per qualcuno, fuorché per il cliente stesso.

Il coaching ha la libertà e la flessibilità per affrontare una vasta varietà di argomenti personali, professionali e aziendali. In una relazione di coaching, solo il cliente ed il coach determinano il fine del loro lavoro ed agiscono congiuntamente tramite una relazione ed una co-creazione di risultato, nel quale il cliente decide e promuove azioni adatte a conseguire l'obiettivo desiderato.

Nel coaching, ogni contributo dato dal coach per produrre il risultato desiderato dal cliente, viene dato attraverso una progressiva interazione con il cliente. Il ruolo del coach non è di produrre un prodotto o un risultato acquisito al di fuori delle sessioni di coaching.

Quindi il coaching non è una consulenza diretta ma bensì indiretta ed è studiato per permettere ai cliente di acquisire una maggiore capacità di produrre risultati e una grande fiducia nelle capacità che gli occorrono.

Studio Carlo Bartolomeo Novaro Coaching - Business Coach ICF - Imperia - Liguria - Italia - Online via Skype

Se trovi la pagina interessante, passa parola... Grazie 

Studio Carlo Bartolomeo Novaro Coaching - Business Coach ICF - Imperia - Liguria - Italia - Online via Skype

 
Torna ai contenuti | Torna al menu